Certo è uno dei saponi più usati al mondo ma quanti ne conosco la storia e i diversi utilizzi??!!??

Il sapone di Marsiglia è un po’ una copia, ben riuscita tra l’altro, del sapone di Aleppo che attraverso le crociate si è diffuso fino a raggiungere Marsiglia!!!

A Marsiglia venivano utilizzati olio di oliva e soda (carbonato di sodio) che proveniva dalla combustione di una pianta la salicornia e si otteneva da un procedimento, inventato da Nicholas Leblanc, che impiegava l’acqua di mare. Il primo saponaio ufficiale della città fu Crescas Davin nel XIV secolo e Georges Prunemoyr istituì la prima fabbrica marsigliese nel 1953.

Nel 1660, facendo seguito alla crescente richiesta degli anni precedenti, nella città erano presenti ben 7 fabbriche di sapone con una produzione di circa 20.000 tonnellate l’anno fino a quando, sotto il regno di Luigi XIV il sapone di Marsiglia divenne estremamente diffuso tanto da essere l’omonimo del sapone per eccellenza!!!

L’aspetto era un po’ diverso dal nostro moderno sapone di Marsiglia, infatti era di colore verde!!!

Tutto questo spinse a proclamare addirittura un editto circa l’autenticità del sapone di Marsiglia siamo al 5 ottobre del 1688 e il III articolo dell’editto di Colbert (Ministro di Luigi XIV) enunciava:Non si potrà utilizzare nella fabbricazione del sapone, insieme a barrilla (soda di Spagna), soda o cenere, nessun grasso, burro né altro materiale; ma soltanto puro olio di oliva, e senza mescolanza di grasso, a pena di confisca delle merci. Ed inoltre i saponai, onde evitare di alterare la qualità del sapone, non potevano produrre in estate a causa del caldo!!!

Nel 1786 ben 48 saponifici a Marsiglia producevano 76.000 tonnellate di sapone, impiegando 600 operai e 1.500 lavoratori forzati presi dai carceri…..e aumentarono ancora fino a contare ben 62 saponifici nel 1813!!!

Ma…i saponifici iniziarono a comparire anche in Provenza, Tolone e Arles e in questi saponifici venivano impiegate componenti che li rendevano molto meno pregiati e di conseguenza più vendibili!!!

Tanto che anche il sapone di Marsiglia “cambiò” la sua ricetta e nel XX Francois Merklen produsse la nuova formula del sapone di Marsiglia: 63% di olio di copra o di palma (mmmmh), 9% di soda, 28% di acqua. Il problema però di questa nuova formula era l’importazione di olio di palma o di copra….infatti durante la prima guerra mondiale le difficoltà dei trasporti misero in ginocchio l’industria “saponaia” di Marsiglia e la produzione scese drasticamente da 180.000 tonnellate a 53.000 circa!!!

Alla fine della guerra venne fortunatamente ripresa la produzione e le sorti cambiarono nuovamente con la seconda guerra mondiale ma….questa volta, a termine guerra, non vi fu ripresa!!! Il sapone venne sostituito dai detersivi di sintesi e i saponifici marsigliesi chiusero uno dopo l’altro!!!

Oggi se ne contano pochissimi!!!

E già…il progresso!!!

Vediamo però a cosa serve il sapone di Marsiglia e perché per tanti anni è stato così inflazionato J!!!

Prima di ogni cosa ci tengo a sottolineare che l’INCI deve mostraresolo ingredienti di origine vegetale ed in particolare soda e olio d’oliva!!! Il “sodium tallowate” è un ingrediente derivante dalla macellazione animale!!!!

Viene usato per tutto…ecco finito con gli utilizzi!!! No, scherzo però è davvero così!!!

Può essere usato per la pulizia della casa.

Può essere usato come pre-ttrattante per il bucato oppure in scaglie come detersivo per la lavatrice, oppure tal quale per il bucato a mano.

Può essere usato come “rigenerante” per capelli secchi e sfibrati basta sciogliere il sapone di marsiglia e mischiarlo con olio di oliva, 2 cucchiai di germe di grano, 2 cucchiai di olio di mandorle dolci (non lo dico ma…tutto bio!!!), quindi si applica sui capelli e lo si lascia in posa come un impacco!!!

Può essere usato come detergente per le pelli grasse, infatti tra le sue caratteristiche c’è quella di riequilibrare il pH e spesso medici dermatologi lo consigliano anche a chi è soggetto ad allergie proprio perché è così puro!!!

Sicuramente esistono altri impieghi e magari qualcuno di voi ha voglia di aggiungerne nei commenti!!! Sarei molto contenta!!!

Spero che vi sia piaciuto questo articoletto/digressione storica e ringrazio vivamente wikipedia di esistere J

A presto presto con il prossimo!!!!!

Patrizia

Leave a Reply

Il sito è in aggiornamento. I prodotti disponibili non sono ancora tutti presenti. Se non trovate quello che cercate o per qualunque curiosità o richiesta scrivete all’indirizzo salviamocilapelle.biobo@gmail.com Ignora