LO SAPEVATE CHE…PULA DI FARRO E PULA DI MIGLIO

By / 14th novembre, 2016 / ecologia, lo sapevi che /

La pula altro non è che l’involucro che rimane successivamente al processo di decorticazione del chicco sia di farro che di miglio?!?

La pula di farro e la pula di miglio, dopo la lavorazione rimangono integre e vuote al loro interno, formando tantissimi cuscinetti d’ariache gli conferiscono quelle caratteristiche di elasticità che consentono alla muscolatura di distendersi e al sangue di irrorare meglio i tessuti. Gli stessi cuscinetti d’aria rendono i due materiali sicuri nell’utilizzo anche per neonati come cuscini antisoffoco e per problemi di sudorazione!!!

                             

La pula, prima di essere inserita nei cuscini, viene però depolverata e sottoposta a trattamento criogenico, ovvero un trattamento di sterilizzazione che consiste in un congelamento a bassissime temperatura per molte ore, che impedisce la formazione di “farfalline”! Inoltre sono entrambe anti-acaro così da poter essere utilizzate con assoluta tranquillità, anche da chi soffre di allergie.

Le pule di farro e di miglio sono anche termoregolatrici, la loro natura permette di assorbire e trattenere il calore e di rilasciarlo lentamente, mantenendo il calore in inverno e la freschezza in estate.

Inoltre, se di piccole dimensioni, i cuscini in pula di farro e miglio, possono essere anche scaldati in microonde, o nel forno o semplicemente su un calorifero in modo tale che le sostanze si attivino, riducendo le infiammazioni, decongestionando e favorendo naturalmente benessere e piacere.

Con questi cuscini si possono perciò curare tanti tipi diversi di disturbi quali contrazioni muscolari, mal di testa, emicrania, mal di schiena, reumatismi grazie alla elevata concentrazione di acido silicico in essi contenuta (pari al 90%)!!! L’acido silicico è un potente antinfiammatorio ed ha una elevata capacità di essere assorbito.

Ma cosa scelgo per il mio guanciale??? La differenza più rilevante tra la pula di farro e la pula di miglio è una maggiore morbidezza della seconda dovuta alla finezza dei suoi chicchi che lo rende particolarmente adatto all’imbottitura per cuscini per neonati o per chi è costretto a stare a letto molto tempo, ecco dunque come poter dirigere la scelta!!!

Il farro e il miglio presenti nei cuscini sarebbe meglio se provengano da agricoltura biologica e la stoffa delle federe impiegata di solo cotone bio certificato, magari GOTS!!!

Quali sono i prodotti??? Guanciali per adulto, bambino e bebè, cuscinetti temici, cuscini per allattamento e tanti altri che alcune aziende, soprattutto di arigiani, possono confezionare a seconda delle richieste ed esigenze!!!!

E io che cuscino adopero???

Di pula di farro, mi piace così tanto quel  rumorino che accompagna il sonno ed inoltre, essendo leggermente più grandicella del miglio, ha un’azione traspirante maggiore….e che meraviglia è in inverno adagiare la testa su un guanciale che precedentemente è stato scaldato un pochino sul termosifone…una vera e propria coccola!!!!

Per avere la possibilità di acquistare il cuscino di pula di farro seguite questo link

http://www.salviamocilapelle.com/prodotto/cuscini-bio-guanciale-pula-farro-bio/

Per avere la possibilità di acquistare il cuscino di pula di farro seguite questo link

http://www.salviamocilapelle.com/prodotto/cuscini-bio-guanciale-pula-miglio-bio/

oppure questo per il baby miglio

http://www.salviamocilapelle.com/prodotto/cuscini-bio-guanciale-baby-pula-miglio/

Per avere la possibilità di acquistare il cuscino per allattamento in pula di farro seguite questo link

Cuscino allattamento cotone bio e pula di farro bio

 


2 Comments

  • Ranieri Angelo 10 Aprile 2018 at 21:18

    La pula di farro ha una scadenza o è sempre efficiente? Grazie

    Rispondi

    • Patrizia 12 Aprile 2018 at 10:21

      Gent.mo Angelo, la pula di farro non ha scadenza, semplicemente dopo un annetto può rendersi necessario aggiungerne un po’ perché con l’attrito tende a schiacciarsi e di conseguenza a “sbriciolarsi”
      Cordialmente
      Patrizia

      Rispondi

Leave a Comment